09 apr 2016

Una lettrice del mio libro "penne d'aquila"


Ringrazio Carmela Ponti per questa bellissima e molto gradita sua nota di lettura al mio romanzo "Penne d'aquila"





Un volo d'aquila, parole scritte che riflettono emozioni che hanno il compito di ricongiungere l'anima ad un corpo funambolo sul filo delle leggi dell'universo.
Un romanzo che letto e riletto trova negli occhi attenti del lettore uno sprone verso la consapevolezza interiore di una donna, che altro non è che un guardarsi dall'esterno, come guardare un film, un viaggio a ritroso nel tempo e un dialogo con esperienze di vita e risvolti di scelte, giuste o sbagliate, senza percepire i fantasmi del rimpianto e della delusione.
Un'accettazione di tutti i colori che hanno dipinto la sua vita, i suoi affetti e la sua solitudine, il lavoro, e l'amore, quello vero svelato in un unico sogno, compresi il nero della morte e il bianco degli Angeli che la custodiscono e la guidano verso l'unica e sola verità: non esiste un vero equilibrio se non nella forza d'anime e nelle Fede, che insieme vincono le nubi più nere di pioggia che oscurano il cammino.
Un percorso di crescita difficile, lento, un’introspezione che forma e ricostruisce ogni presente, sempre col sorriso anche quando gli eventi appaiono nemici e trafiggono l'animo della protagonista con spade di sofferenza e confusione e lo lacerano, ravvivando la brace che sotto la cenere del passato scalda il cuore e le sue emozioni fino alla comprensione che ogni scintilla di quel fuoco riacceso è una speranza per il futuro.
Una scrittura elegante, intelligente, tersa ed intrisa di tenerezza, che esprime ed evidenzia la delicata anima di Virginia e la sua spiccata sensibilità, forte nella bontà ed umile nella semplicità del rapporto col quotidiano vissuto sempre appieno, attimo dopo attimo, senza tralasciare niente; una persona che sa ed ama vivere la sua vita nella sincerità e nel dono di sé, senza pretese di scambio. Un romanzo che dona a mente e cuore il senso di pace con se stessi che ogni essere umano cerca affannosamente.
Penne d'aquila mi insegna che vivere è molto di più che respirare la superficialità del mondo, ma come un'aquila che prima di spiccare il volo osserva il suo mondo, apre le sue ali nel cielo in un volo basso, scende in picchiata fino a terra e si nutre di essa per poi rialzarsi verso Cieli più alti.




CARMELA PONTI

S. Pietro in Guarano (CS) 08.04.2016



Nessun commento:

Posta un commento